Mondo Value | Azioni Vs Obbligazioni? Risponde Peter Lynch
2517
post-template-default,single,single-post,postid-2517,single-format-standard,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-11.0,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive
 

Azioni Vs Obbligazioni? Risponde Peter Lynch

Azioni Vs Obbligazioni? Risponde Peter Lynch

FUGGIRE DALLA SCHIAVITU’
by Peter Lynch

Un gestore di fondi in pensione è qualificato per dare solo consulenza agli investimenti, non consulenza spirituale, ma ciò che mi ispira a riprendere questo desiderio, è che una larga maggioranza degli investitori continua a privilegiare le obbligazioni. Ovviamente devono aver dormito durante l’ultimo sermone, “One Up on Wall Street”, in cui ho cercato di dimostrare una volta per tutte che mettere i soldi nelle azioni è molto più redditizio che metterli in obbligazioni, certificati di deposito o conti in denaro. Altrimenti, perché il 90% degli investimenti in dollari di tutta la nazione nazione è ancora parcheggiato in questi porti meno sicuri?

Nel corso degli anni ’80, che è stato il secondo miglior decennio della storia moderna per le azioni (solo gli anni ’50 sono stati leggermente più generosi), la percentuale dei beni delle famiglie investite in azioni diminuì! Questa percentuale infatti, sta diminuendo costantemente da quasi il 40% negli anni ’60 al 25% nel 1990. Nonostante il Dow Jones e i principali indici azionari hanno quadruplicato di valore, una parte di investitori è uscita dalle azioni. Anche le attività investite in fondi comuni di investimento azionari sono scese da circa il 70% nel 1980 al 43% nel 1990. Questa è una calamità per il futuro della ricchezza individuale e nazionale a cui non si può andare incontro. Permettetemi di cominciare, allora, dove ci siamo lasciati l’ultima volta: se speri di avere più soldi domani di quanto tu abbia oggi, dovrai mettere una parte dei tuoi asset in azioni. Forse potremmo entrare in un mercato orso, e per i prossimi due o tre anni o addirittura cinque anni tu non vorrai sentire parlare di azioni.

Ma il ventesimo secolo è stato pieno di mercati orso, per non parlare delle recessioni e nonostante questo i risultati sono indiscutibili: prima o poi un portafoglio di azioni risulterà decisamente più profittevole di un portafoglio di obbligazioni, certificati di deposito o fondi monetari. Già, ve lo ripeto nuovamente.
La parte più convincente e ricca di prove che ho scoperto dal momento in cui ho sostenuto questo principio, si può trovare nel “Ibbotson SBBI Yearbook”, 1993- capitolo 1- pagina 17, sotto la rubrica “rendimento medio annuale per i decenni 1926-1989. Rappresenta un riepilogo dei profitti annuali che avresti fatto, investendo i tuoi soldi in azioni dell’SP500, small cap, obbligazioni governative a lungo termine, obbligazioni societarie a lungo termine e depositi a breve termine. I risultati sono riportati nella tabella 1.

I guru degli investimenti avrebbero dovuto mettere tutti i loro soldi nelle azioni dell’SP500 negli anni ‘20, convertirli in obbligazioni societarie a lungo termine nel 1929, tenendole durante gli anni ’30, convertirli in small cap negli anni ’40, ritornare nelle azioni dell’SP500 negli anni ’50 , nuovamente nelle small cap negli anni ’60 e ’70 e rientrare nell’SP500 negli anni ’80. Le persone che hanno seguito quella strategia sono ora tutti milionari e vivono sulle coste francesi. Lo avrei raccomandato se fossi stato abbastanza intelligente per sapere in anticipo cosa sarebbe successo. Ma questo è evidente ovvio.
Dal momento che non ho mai incontrato un singolo milionario che ha fatto la sua fortuna esattamente in questo modo, devo supporre che siano molto rare le persone di questo tipo rispetto a quelle dotate di intelligenza nella media. Il resto di noi non ha modo di prevedere quei rari momenti del futuro in cui le obbligazioni batteranno le azioni. Ma il fatto che è accaduto solo in un decennio su sette, negli anni ’30 (negli anni ’70 si è verificato un momento di stallo), fornisce un enorme vantaggio a chi seleziona titoli azionari. Investendo in azioni per sempre, le probabilità di fare meglio rispetto ai bond sono 6 a 1.
Inoltre, le performance superiori ottenute delle obbligazioni rispetto alle azioni nell’unico decennio menzionato non hanno compensato gli enormi guadagni registrati dalle azioni nei periodi quali gli anni ’40 e ‘60. Nel corso di tutti i 64 anni analizzati nella tabella precedente, un investimento di $ 100.000 in obbligazioni governative a lungo termine sarebbe diventato 1,6 milioni di dollari, mentre la stessa somma investita nello sp500 sarebbe diventata 25,5 milioni di dollari.Questo mi porta al principio di Peter n 2: Le persone che preferiscono le obbligazioni non sanno cosa si stanno perdendo. Ma continuiamo ad essere una nazione di detentori di obbligazioni. Milioni di persone sono concentrate principalmente nel percepire gli interessi, che possono o meno remunerare leggermente meglio rispetto all’inflazione, quando invece potrebbero godere di un rendimento reale di 5-6% superiore al tasso di inflazione, per gli anni a venire. Acquistate azioni. Se questa fosse l’unica lezione che imparate dalla lettura di questo libro, allora la sua scrittura ne sarebbe valsa la pena. Il dibattito se investire in piccole o grandi società, o come scegliere il miglior fondo comune azionario, è secondario rispetto al punto principale: in qualunque modo tu lo faccia, acquista! Suppongo, ovviamente, che nel momento in cui selezionerai azioni o fondi azionari in modo intelligente, non ti farai spaventare durante le fasi di correzione dei mercati.

No Comments

Post A Comment